Ricetta d’Autunno: Ravioli di Zucca e Ricotta

Questa è una ricetta casalinga al cento per cento, divertente da fare, specialmente nelle sere di primo autunno, quando fuori è già buio un po’ troppo presto. Si mischiano buona compagnia, un sottofondo di musica e un bicchiere di vino e la cena diventa davvero speciale.
AVVERTENZE: Procura tremendi effetti Amarcord. Provare per credere.

Leggi tutto “Ricetta d’Autunno: Ravioli di Zucca e Ricotta”

La confettura di Prugne come la faceva la Nonna

Della mia nonna materna, che ho vissuto solo fino ai sette anni, ho moltissimi ricordi. Amava creare con me regalini per la mia mamma con materiali di recupero, collage fatti con le mille carte delle uova di Pasqua messe da parte negli anni, e mi insegnava piccoli segreti su come divertirmi in mezzo alla natura, usando per esempio rami di Sambuco come cannucce per soffiare le bolle di sapone, o pressando i fiori di campo in mezzo alle pagine dei libri per poterli ritrovare un giorno, negli anni a venire. Riciclava, risparmiava, non sprecava nulla, era una Giusta.

Leggi tutto “La confettura di Prugne come la faceva la Nonna”

Amarene candite, dall’albero al pancino in poche settimane

In questi giorni bisogna stare all’occhio e lumare lungo strade e sentieri tutti gli alberi da frutto, in particolare i Ciliegi, gli Amareni (o Prunus cerasus) e i Nespoli, poiché la maturazione incombe, le papille fremono e il pancino brontola.
Ieri, per l’appunto, s’è fatto raccolto di amarene mature, quelle che ogni anno crescono su un albero di nessuno che sta laggiù in mezzo a un prato. Bellissime di colore, di sapore fanno cacarone, ma possono essere “trattate” con grappa e/o zucchero, per farne una scorpacciata invernale – se all’inverno ci arrivano – ricordando i bei giorni di sole di questa primavera inoltrata.

Leggi tutto “Amarene candite, dall’albero al pancino in poche settimane”

Ricordi accesi di sapori portoghesi

Quando ero in Portogallo ho vissuto gli ultimi dieci giorni in compagnia di quattro fantastici amici, fra cui uno sciamano di Timor, la cui compagnia è stata preziosa quanto gustosa.
Fra le pietanze che abbiamo cucinato insieme, la mia preferita era un piatto semplicissimo, fatto con riso, patate e il Couvo Galega, una varietà di cavolo che si trova prevalentemente in Portogallo e che cresce in altezza quasi oltre i due metri.

Leggi tutto “Ricordi accesi di sapori portoghesi”

Cose che si imparano: del broccolo non si butta via niente

Autunno, stagione dei cavoli: cavolo romano, cavolfiore, broccolo, cavolo nero, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolino di Bruxelles ecc. Il broccolo al momento in casa mia è il più quotato, e spesso lo preparo con la pastasciutta: un bello spicchione d’aglio, abbondante olio, tutto saltato in padella e poi una spolverata di pepe. Una buonezza.

Leggi tutto “Cose che si imparano: del broccolo non si butta via niente”

Ho fatto la Cotognata. Buona, eh…

Quest`estate ho vissuto in Portogallo per quattro mesi e fra i tanti cibi tipici e meno tipici che ho assaggiato, ho scoperto questo.
Sembrava l`unica cosa simile alla marmellata, questa Marmelada (così si chiamava) sullo scaffale di un centro commerciale qualsiasi, ed era una gelatina arancione venduta in vaschette basse col coperchio, su cui erano disegnati dei frutti gialli che inizialmente mi sembravano limoni molto rustici.

Leggi tutto “Ho fatto la Cotognata. Buona, eh…”