Ho il blocco creativo

Da quando ho cominciato a tenere da parte materiali per un po’ di sano riciclo creativo, ho un incredibile, immenso e insormontabile blocco creativo.

Ho scatole intere piene di rotoli di carta igienica, di tappi di metallo e sughero, mazzi di involucri delle bustine del tè, cartoni e cartoncini, barattoli, vaschette, ciotoline e contenitori, tutta roba che normalmente finirebbe in discarica o nella differenziata, ma che da quattro mesi e più sto accumulando sperando, un giorno, di trovare un perché.

Spessissimo sfoglio libri o siti dove il riciclo creativo è l’arte più variegata, con giocattoli per bambini e accessori per la casa, gioielli e utensili che popolano il web come veri capolavori.

E pure io, qualche volta, ho contribuito col mio estro ecocreativo e riciclone. Ma che fine ha fatto tutta la mia fantasia?

Ora che avrei alcune serate libere a disposizione, ho un blocco tremendo.
vorrei costruire qualcosa per la casa come una lampada o una decorazione ma che non sia kitsch né cessa, ovvero da buttare dopo due giorni.
Dovrei forse contattare un designer d’interni green, o un artigiano esperto del recupero, o ancora buttare via tutto, che faccio prima.

Intanto, appena ripescherò dove ho nascosto le capsule del caffè che ho raccolto da un paio di amiche, metterò in pratica un’idea rubata alla mamma della Cami, e chissà se verrà fuori una cosa carina oppure una ciofeca.

Pensate che ho perfino conservato una ventina di tondini struccanti (prima di smettere di usarli) che, con gli sbaffi di trucco, sembravano variopinti a sufficienza per diventare un complemento d’arredo. Mai fatto nulla.
Mi piacerebbe per esempio riciclare le bottiglie (di vetro) costruendo una scultura luminosa, ma non ho lo spazio sufficiente, in casa.
Mi piacerebbe avere la fantasia per copiare le idee dei Troglodita tribe, ma mi mancano una taglierina, dei testi decenti e la solita creatività perduta.
Vorrei avere un laboratorio per bambini e giocare coni tappi di bottiglia, la manualità per cucire bamboline di calzini spaiati o per creare uno scrapbook, la pazzia per smontare una bambola e farne dei gioielli.
Ho 100 idee e nessuna.

Allora sapete cosa farò? Io e il mio istinto creativo morto andremo avanti nella selezione delle cose che ho in casa per fare un ulteriore smaltimento di quelle inutili, e la raccolta di quelle utili per farne del sano riciclo creativo. Prima o poi un’idea mi verrà, no?

Hey, ma… aspetta un attimo, cos’è quello? Ma il mio bellissimo bruttissimo nuovissimo portamonete di tetrapak! Dai, è già un passo avanti. Ma bisogna continuare a cercare idee. Idee?

8 risposte a “Ho il blocco creativo”

  1. bhe
    con le bottiglie di plastica ci puoi fare dei contenitori di vario genere.
    sono comodi se riesci a combinare bottiglie di formati compatibili che tagliate riescano a combaciare per chiudersi.
    magari appena riesco faccio qualche foto e poi te le mando.
    con il tetrapak del latte io ci facevo i vassoi, aprendoli bene e unendone tre o quattro diventano abbastanza solidi.
    il portamonete è carino, proverò anche io a riprodurlo ^__^

    1. Grazie, ma le bottiglie di plastica sono l’unica cosa che non devo riciclare perché non le uso da un sacco di tempo! :-)
      Però potrei sempre chiederle a chi le butta via!
      Buona domenica!

  2. Ciao Kika, ho visto il tuo portamonete di tetrapack. Io ne faccio alcuni molto simili a quello che hai fotografato. Ne faccio anche altri sempre con il tetrapak di diverse dimensioni e con la chiusura di velcro, e anche bustine con la cerniera e portafogli.
    Ho trovato anche il modo di riclicare le vecchie tovaglie di plastica del tavolo di cucina. Ci faccio delle borse, dei borselli e degli astucci.
    Se vuoi curisare nel mio blog per rubacchiare qualche idea l’indirizzo è plasticcircle.blogspot.com.
    Buon riciclo!

  3. Cavoliii, mi ricordi tanto me! Io ho mezzo armadio pieno di sola spazzatura che attende di essere riciclata! Ormai è più forte di me, anche se non so in cosa potrei trasformare un oggetto, non riesco a buttarlo! Adesso altro che blocco creativo, sono talmente ispirata che ho rallentato i ritmi di studio! In questo periodo natalizio ho creato un ecomemory con le carte e le confezioni da regalo scartate, recuperandole giusto in tempo prima che finissero in discarica per mano dei miei! Poi sto mettendo da parte tutti i fili d’argento che vengono utilizzati nei cesti natalizi, per fare volume, e penso li utilizzerò per imbottire qualche bambolina, anche se in questo modo non saprei che tipo di lavaggio potrebbe sopportare. La plastica trasparente che chiude i cesti natalizi l’ho stropicciata e infilata in un vaso trasparente che ho riempito d’acqua (un’idea sentita in giro) e l’effetto è assolutamente sorprendente: pare di cristallo..sembra tutto pieno di ghiaccio crepato, poi luccica, e da lontano non diresti mai che è semplice plastica! Poi in questi giorni abbondano i tappi di sughero, un materiale preziosissimo che se non sappiamo riciclare noi, lo raccolgono delle ditte apposite, perché è davvero importante nell’edilizia, ad esempio come isolante nelle pareti. Io invece taglio i tappi a fettine, che coloro con gli acrilici, e le incollo su un cerchio di cartoncino spesso (sempre riciclato) e lo utilizzo come poggiapentola. Ahh poi la carta..mi sto divertendo a riciclarla in casa! E sapessi che emozione quando ho scoperto (recentemente) che è possibile e basta davvero poco! Gli oggetti più strani, invece, sono destinati ad essere assemblati in mostriciattoli riciclati con i quali i bambini si divertirebbero un mondo, anche durante la loro creazione. Conosco il sito di una mamma che pubblica le foto delle creazioni della sua bambina, completamente riciclate!! Usa cartone, cannucce e non ricordo cos’altro…anzi, te lo passo così facciamo prima: http://www.unideanellemani.it/giochi-fai-da-te-con-materiali-di-riciclo-la-beauty-farm.
    Ti avevo detto che avrei smesso di scriverti e invece non ce l’ho fatta, eheh :)

  4. Altrochè se li ho visti i tuoi gufetti, mi piacciono un sacco, e proprio ieri ho visto in giro per il web un’idea simile con entrambi i lati piegati! Ho sacconi pieni di rotoli, e non vedo l’ora di cimentarmi anche in questa cosa :) ihih
    Se ti piace l’idea, c’è il giveaway dell’ecomemory nel mio sito, è proprio una cavolatina eh, però mi piacerebbe che venisse infilata nella calza della befana di qualche piccolo esserino!
    p.s. secondo me viene carina la bachechina!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *