Primavera e rinascita

Forse mi ripeterò nel raccontarvi le meraviglie di questa primavera che sta esplodendo, ma è talmente bello l’insieme di emozioni che vivo quando, ogni anno, la bellissima e ineluttabile stagione si manifesta e io posso osservare il suo ritorno, che ogni volta mi sembra di vivere una vera e propria rinascita, sia fisica che mentale e spirituale.
Leggi tutto “Primavera e rinascita”

Piante spontanee officinali: la Piantaggine

Avere una mamma, una nonna o degli amici che conoscono gli usi più comuni di molte piante, specie quelle spontanee, è un vantaggio sotto tanti punti di vista:
– puoi imparare, con la loro compagnia, a riconoscere le piante fino ad avere la certezza di non avvelenarti
– puoi conquistare un nuovo modo di osservare la natura quando passi vicino ai prati incolti e nei boschi
– puoi condividere le tue conoscenze, i tuoi raccolti e i tuoi segreti senza esserne geloso perché la terra e le piante e la natura sono di tutti, e più si conosce e si comprende, meno si teme e si distrugge.

Leggi tutto “Piante spontanee officinali: la Piantaggine”

Chi semina raccoglie, chi raccoglie semina

E insomma, da quando sono affogata nell’amore per le piante, seguendo il loro corso dalla nascita alla morte, non ho potuto fare a meno di stupirmi di fronte al susseguirsi dei loro cicli, da quando timide foglioline spuntano dalla terra, a quando i primi fiori cominciano a fare capolino e le radici mangerecce si ingrossano, e poi i frutti, qualunqui essi siano, e infine i semi.

Leggi tutto “Chi semina raccoglie, chi raccoglie semina”

Amarene candite, dall’albero al pancino in poche settimane

In questi giorni bisogna stare all’occhio e lumare lungo strade e sentieri tutti gli alberi da frutto, in particolare i Ciliegi, gli Amareni (o Prunus cerasus) e i Nespoli, poiché la maturazione incombe, le papille fremono e il pancino brontola.
Ieri, per l’appunto, s’è fatto raccolto di amarene mature, quelle che ogni anno crescono su un albero di nessuno che sta laggiù in mezzo a un prato. Bellissime di colore, di sapore fanno cacarone, ma possono essere “trattate” con grappa e/o zucchero, per farne una scorpacciata invernale – se all’inverno ci arrivano – ricordando i bei giorni di sole di questa primavera inoltrata.

Leggi tutto “Amarene candite, dall’albero al pancino in poche settimane”

Il Gelso, non solo cibo per bachi da seta

Quando sento nominare il Gelso, mi tornano alla mente i ricordi di mia nonna che mi raccontava degli allevamenti di bachi da seta: ghiotti di foglie, (oramai quasi cent’anni fa e credo ancora oggi) venivano tenuti in cassetti dove masticavano fino allo sfinimento, per poi creare i bozzoli del prezioso tessuto che, ahimè, veniva poi ottenuto facendo bollire i poveri bachi.

Leggi tutto “Il Gelso, non solo cibo per bachi da seta”