#giornatamondialedelmondo – La settimana dell’alimentazione vegetariana

Oggi inizia la Settimana Internazionale dell’Alimentazione Vegetariana. Numerosi incontri e iniziative dedicati, ovviamente, all’alimentazione veg, che vogliono coinvolgere enti, cittadini e imprese per spingere le persone a una maggiore consapevolezza sul cibo che finisce sulle nostre tavole.

Leggi tutto “#giornatamondialedelmondo – La settimana dell’alimentazione vegetariana”

Pink is the new Green – Fa’ la cosa giusta

Yorkshire, I fee(t) at home

C’è un evento che si chiama Fa’ la cosa giusta ed è una fiera gigantesca che si svolge a Milano e forse anche in altre città.
Nella fiera ci sono dei padiglioni, e nei padiglioni degli spazi e degli stand e negli spazi e negli stand ci stanno delle persone.
Tante persone, tutte più o meno affezionate all’ambiente, alla sostenibilità, al sociale, all’altro da sé, che discutono, vendono, mettono in mostra tutto ciò che si può immaginare che abbia a che fare con i temi di cui sopra, a volte sforando nel green washing, altre (molte altre) portando avanti progetti che si rivolgono davvero all’umano, al no-profit, a valori forti e radicati.

Leggi tutto “Pink is the new Green – Fa’ la cosa giusta”

La mia vita a impatto 1 non finisce qui

Per chi non lo sapesse questo 2011 è stato per me un anno particolare: l’ho trascorso cercando di vivere una vita a impatto 1. Cosa vuol dire “a impatto 1”? Uno è il pianeta che abbiamo a disposizione, e perciò, siccome non possiamo pensare di migrare su Marte o sulla Luna una volta che le risorse saranno esaurite, ho cercato di comportarmi di conseguenza, vivendo una vita ecologica e inquinando in sostanza il meno possibile: all’inizio dell’anno scorso ho compilato il quiz del carbon footprint, un questionario sulle abitudini quotidiane in termini di spostamenti, consumi di energia e acqua, scelte alimentari e stile di vita, e il risultato è stato che per vivere come me sarebbe servito un pianeta virgola quindici, UNO VIRGOLA QUINDICI!

La cosa mi ha scosso al punto da spingermi ben oltre il semplice facepalm o il nascondersi dietro a frasi come “se il mondo fosse diverso, se tutti facessimo qualcosa blablà”. Ho provato ad agire.

Leggi tutto “La mia vita a impatto 1 non finisce qui”

Il Buonessere, che buonezza

È già il secondo ordine, quello che mi è arrivato oggi da Il BuonEssere, una cassetta “piccola” di frutta e verdura biologiche di stagione consegnata a casa ogni due settimane.
Nella cassetta piccola, che in realtà è una scatola piuttosto grossa, oggi ho trovato una bella lattuga, un melone, aglio fresco, zucchine e cetrioli, pesche e prugne, pomodori e pomodorini, due banane.

Leggi tutto “Il Buonessere, che buonezza”

Gatti a impatto 1

Oggi lo posso dire: i miei gatti sono a impatto 1!
Sarebbero a impatto ancora più basso se fossi riuscita nell’intento di istruirli a cacare nel mio water, ma niente.
Ma dopo tentativi e ricerche ho trovato soluzioni etiche, sostenibili, ecologiche, non sempre comodissime ma ottime da tutti i punti di vista.

Leggi tutto “Gatti a impatto 1”

Addio shampoo

Da dove comincio? Sono talmente tante le soluzioni che mi son state proposte per sostituire lo shampoo senza impiastricciarsi i capelli o renderli ingovernabili, che non so da dove cominciare.

Innanzi tutto vi spiego: pochi giorni fa ho finito l’ultimo shampoo che avevo, e l’ho sostituito con una semplice saponetta, con un inaspettato risultato: capelli cotonatissimi e molto molto densi a puliti.
Nei commenti al post che ho scritto subito dopo, molti amici mi hanno consigliato il sapone di Marsiglia, utile anche per i panni, e il Ghassoul, un’argilla usata dalle donne indiane, oppure la farina di Ceci mischiata con miele o yogurt e un po’ di henné neutro per renderli luminosi. Poi c’è il sapone di Aleppo e perfino la foglia fresca di Aloe Vera frullata.

Leggi tutto “Addio shampoo”

Elogio della saponetta

Secondo me non ci avevate mai pensato, e se ci avevate già pensato, avete tutta la mia stima, perché la decrescita è anche questo, ridurre le cose della vita a poche e preziose essenziali risorse da rispettare, valorizzare e anche amare.

L’altro giorno ho finito l’ultimo shampoo che avevo, e così fino a che non avrò un’idea (che vuol dire trovare un venditore di shampoo sfuso, o scroccarne uno druso alla vicina, o sperimentare una ricetta casalinga) mi laverò solo con la saponetta.
Così questa sera, dopo un lungo weekend di capoeira, mi sono insaponata (senza spugna) completamente, e mi son sentita come in certe scene nei film sulle sfighe irlandesi coi bambini che nelle mattine gelide d’inverno, in piedi in un catino si insaponano dalla testa ai piedi tremando, o di militari in guerra che ridendo sotto i bombardamenti hanno la schiuma perfino negli occhi.

Leggi tutto “Elogio della saponetta”

Sono un’ECO-smiler su Glamour

Non nuocerò di certo alle vendite di Glamour se non vi incoraggio a comprare la copia di giugno, ché a pagina 260 ci siamo io e altre tre ragazze interessanti, Maria Vittoria e Angelica di www.ortaie.it e Federica dell’Atelier del riciclo, che conto di andare a trovare o sentire presto. In comune abbiamo l’amore per il pianeta e la volontà di migliorare le nostre vite.
Ognuna, a modo suo, lo dimostra attivamente e l’articolo di Silvia Gavino racconta come si possa vivere a basso impatto ecologico senza perdere il sorriso.
Insomma, se non siete avvezzi a comprare la rivista già per conto vostro, non compratela, per non consumare carta eccetera.
E però, peccando di vanità, mi vi mostro così, qui. :-)

Grazie a Silvia, Auro, Chiara e Giulia per il tempo speso insieme e l’allegria!