…e come va con la compostiera?

Lasciate ogni speranza, voi ch’intrate.

Entriamo nel mondo della compostiera, un tunnel buio che odora di terriccio e che contiene le meraviglie della natura: microrganismi, vegetali e materiali organici variopinti, elementi chimici che nutrono la terra, piccole creature laboriose.

A gennaio, grazie all’aiuto virtuale di kia81, ho costruito una compostiera che ho piazzato sul balconcino di casa, per raccogliere e compostare tutti i miei rifiuti umidi, che a Milano non vengono raccolti separatamente, come scarti di frutta e verdure, residui secchi delle piante, carta (ma ci sono molte altre cose che si possono compostare).

Perché?
Leggi tutto “…e come va con la compostiera?”

È ora di pensare all’orto sul balcone

Avete presente quello stato mentale di quando si hanno sparse sul tavolo le carte del memory voltate all’ingiù, caotiche e ignote e tutte identiche? E però dapprima la memoria fa uno sforzo micidiale, ma poi man mano che si voltano quelle giuste, sempre più velocemente si ingrana finché la pila di schede accoppiate non diventa altissima, e allora ci si sente vincenti, mentre un attimo prima sembrava tutto un gran mischiume di “boh”.

Ecco, diciamo che la fase del boh è quella in cui mi sento io ora in tema di orto (sul balcone). Premesso, non ho praticamente mai avuto il pollice verde, nemmeno coi soliti cactus che non hanno bisogno che di una goccia d’acqua l’anno. Pure quelli ho matado.

Leggi tutto “È ora di pensare all’orto sul balcone”

Da una settimana di vita (a impatto 1)

No! che non è facile, niente affatto!

Pulire la merda dei gatti che, disorientati dalla nuova lettiera, non sapevano più dove farla.
Rifiutare senza sembrare scortese una birra o un passaggio in macchina dagli amici.
Tirare dritto passando davanti a Buba, La città del sole, o Pattini&Marinoni, vetrine zeppe di meraviglie.
Fare la spesa al rallentatore leggendo gli ingredienti e la provenienza di ogni prodotto, vagando per gli scaffali del Penny con un grosso punto di domanda sulla testa.
No, non è facile.
(memo: tenere sempre in borsa il libro “Quattro sberle in padella“)

Leggi tutto “Da una settimana di vita (a impatto 1)”

Io, le rose e la compostiera (fai da te)

Oggi io e mio padre abbiamo costruito insieme una compostiera domestica.
Io ho messo l’idea e la bassa manovalanza, lui gli “ingredienti” e l’ingegno.
Così ci siamo cimentati nella realizzazione di questo oggettone per riciclare parte dei miei rifiuti, ovvero scarti di frutta e verdura, forse anche carta e gusci d’uovo.
Sui materiali che vi posso gettare ho da farmi un’intera cultura, per non parlare degli usi del compost che otterrò, tanto fertile quanto sano, utile per coltivare sul mio balcone in primavera.
Leggi tutto “Io, le rose e la compostiera (fai da te)”