Settimana due: cosa sta cambiando

Per ogni boccone, un pensiero. “Questo pezzo di pane è stato confezionato in un centro commerciale, questo cioccolato di dubbia provenienza è avvolto in carta e alluminio, questa tisana è biologica ma viene da lontano”.
Riciclare, acquistare consapevolmente, non sprecare, eliminare i derivati animali, compostare, cucinare.

Ieri ho detto addio alle ultime due uova bio che avevo in frigo, perché mi sto convertendo gradualmente alla dieta vegana.

Leggi tutto “Settimana due: cosa sta cambiando”

Vegella, da leccarsi i baffi

Finché ho del cacao in casa posso provare qualche ricetta, no?
Meglio ancora se è vegana.
Questo è il mio terzo tentativo, finalmente ho tutti gli ingredienti e la giusta voglia di fare le cose precise. Sto parlando della crema spalmabile alle nocciole.

C’è chi lo sa già: il leitmotiv di quest’inverno è “ho sgusciato un mare di nocciole”, perché in una gita nel Monferrato ne ho procurate a chili, e ora le sto impiegando per mille ricette!

Così questa notte, in preda a un attacco di gola, ho riprovato a fare quella che nel mitico libro La cucina etica viene chiamata Vegella.

Leggi tutto “Vegella, da leccarsi i baffi”

Il 2050 è oggi

Il mondo sta cambiando, e le previsioni non sono affatto buone. Negli ultimi cent’anni l’inquinamento, la tossicità delle grosse industrie e lo spreco di risorse hanno portato il nostro pianeta sulla breve via dell’inospitalità.

Gli oceani sono acidi, i ghiacciai si sciolgono, la concentrazione di CO2 nell’aria è sempre più alta. Per non parlare delle isole di rifiuti galleggianti, delle discariche a cielo aperto, degli allevamenti intensivi e dell’inquinamento prodotto dal singolo con detersivi, benzina, scelte di vita impattanti.

No, la Terra non è più quella che conoscevamo quando vi siamo “approdati”. Lo sostiene anche Bill McKibben in Terraa: “questo pianeta che non è più lo stesso e va rinominato”.

Leggi tutto “Il 2050 è oggi”

Smettere col caffè – etica, salute, testa

Venerdì scorso ho smesso di bere il caffè.
Niente di grave, direte voi. Io risponderò che la mattina ne bevevo ormai d’abitudine una caffettiera da 4, più due tazzine fisse al lavoro, e pure dopo cena, e insomma. Mica facile.
La scelta è stata non solo per questioni di salute e di buone abitudini, ma anche di piccoli e ragionamenti da approfondire sulla filiera corta. Il caffè non è certo prodotto in Italia, o sì?

memo: esistono coltivazioni di caffè in italia? sono in serra? biologiche?
in che paese si trovano le coltivazioni bio di orzo? fare ricerca.

Leggi tutto “Smettere col caffè – etica, salute, testa”

Il conto nella Banca Etica

Da qualche giorno ho trasferito il mio conto presso Banca Etica, la banca che opera nel sociale e nell’economia solidale, oltre che nell’ambiente e nel volontariato, e risponde alle esigenze di cittadini responsabili che cercano la giustizia e il rispetto dei diritti umani.

Banca Etica segue i principi della Finanza Etica e permette ai risparmiatori di investire su attività strettamente legate alla responsabilità sociale e ambientale.

Leggi tutto “Il conto nella Banca Etica”

Una ricetta vegana: curry di zucca e ceci

Mangiare vegano, sì, sarà un vero lavoro di precisione, esclusione e ricostruzione. Dovrò cambiare le mie abitudini alimentari.

Non è stato difficile quando son passata al vegetarismo, non vedo perché dovrebbe esserlo ora. 
Ovvio, non pretendo i cambiamenti da un giorno all’altro.
Non fanno in tempo a radicarsi e si perdono via. Perciò proverò man mano ricette nuove cercando di non essere banale e di stuzzicare il vostro appetito.

Leggi tutto “Una ricetta vegana: curry di zucca e ceci”

Da una settimana di vita (a impatto 1)

No! che non è facile, niente affatto!

Pulire la merda dei gatti che, disorientati dalla nuova lettiera, non sapevano più dove farla.
Rifiutare senza sembrare scortese una birra o un passaggio in macchina dagli amici.
Tirare dritto passando davanti a Buba, La città del sole, o Pattini&Marinoni, vetrine zeppe di meraviglie.
Fare la spesa al rallentatore leggendo gli ingredienti e la provenienza di ogni prodotto, vagando per gli scaffali del Penny con un grosso punto di domanda sulla testa.
No, non è facile.
(memo: tenere sempre in borsa il libro “Quattro sberle in padella“)

Leggi tutto “Da una settimana di vita (a impatto 1)”

RE-USE agenda 2011 con carta da riciclo

Addio, agendina pregiata di pelle nera con l’elastico e le taschine, mia adorata. Mi hai accompagnata per anni e ora ti rimpiazzo con una ben più preziosa di te.
Si chiama RE-USE ed è fatta con materiali di riciclo. L’unica spesa è il costo dell’inchiostro della stampante, di gran lunga minore del tuo prezzaccio, che è andato aumentando negli anni senza pietà per noi filomoleskiani.

Leggi tutto “RE-USE agenda 2011 con carta da riciclo”

Abbonamento annuale ATM vs. biglietti magnetici

Ecco il mio abbonamento annuale ATM. La mia soluzione allo spreco di biglietti magnetici, di tempo e di denaro.

Con il mio abbonamento (costato 300+15euri) posso viaggiare su tutte le linee urbane milanesi, godere degli sconti al servizio BikeMI (nel caso in cui la mia Leri morisse), usufruire delle convenzioni milanesi per Hobby e Cultura, Salute e Benessere ecc.

Leggi tutto “Abbonamento annuale ATM vs. biglietti magnetici”