A tavola

TUTTE le RICETTE
Vegetariane&Vegane

I nostri pronipoti troveranno barbara l’usanza di nutrirsi di animali.
Nei prossimi anni milioni di persone sceglieranno di mangiare
a un gradino più basso della catena alimentare,
così da permettere che milioni di altri possano ottenere
quanto occorre per sopravvivere.
Se ciò succederà, aumenterà il livello di salute globale – nostra,
del Sud del mondo, del pianeta.

Jeremy Rifkin – Ecocidio

L’alimentazione vegana ha ragioni ecologiche, etiche, di salute e spiritualità.
La Doppia piramide alimentare, che illustra l’impatto delle nostre scelte a tavola, spiega come gli alimenti che dobbiamo assumere più frequentemente (frutta e ortaggi, cereali e legumi) rispettino l’ambiente e la salute in misura molto maggiore in rapporto a un largo consumo di latte, uova e derivati animali, nonché carne e pesce.

Scegliere cosa mangiare – consapevolezza, responsabilità, gusto:
1. Preferire frutta, ortaggi e legumi a carne, pesce e derivati animali. Una dieta vegana è l’ideale ed è il principio che voglio seguire
2. Acquistare prodotti biologici e di stagione. Evitare i prodotti esteri
Quali prodotti agricoli vengono importati e lavorati in Italia? Fino a che punto eliminare caffè, tè, cacao, zucchero di canna, spezie e altri prodotti stranieri, può migliorare il mio stile di vita? Una riflessione da fare
3. Organizzare e gestire un orto sul mio balconcino con compostiera per rifiuti organici. Per riciclare gli scarti e conoscere le piante e i cicli della natura
4. Scegliere soprattutto prodotti senza imballaggi: frutta e verdura sfuse (sporta di stoffa o sacchetti da riusare), prodotti alla spina (latte, vino, cereali)
5. Fare attenzione alla provenienza. Più è lontano il luogo di produzione, più sarà la CO² emessa per i trasporti, minore sarà la possibilità di conoscere direttamente l’azienda e accertarsi dei suoi comportamenti
6. Cucinare e sperimentare ricette vegane e vegetariane
7. Entrare a far parte di un GAS (Gruppo di Acquisto Solidale)

`Share the ideas you like`

10 comments on “A tavola

  1. Ti ho scoperto oggi e ti seguirò con grande attenzione!! Io tempo fa avevo provato a fare il detersivo in casa ed era venuto una porcheria, ora provo con il tuo alla vodka :)

  2. Ciao!
    ti ho scoperta oggi e credo ti seguirò per vedere tutti i progressi, intanto un grande in bocca al lupo!
    Per quanto riguarda i punti 2 e 5, il mio consiglio è quello di acquistare prodotti equosolidali!
    Elisa

  3. Ciao GreenKika, innanzitutto complimenti per ciò che fai e grazie per aver condiviso la tua esperienza con tutti (un doppio grazie da me in particolare, visto che sono un neofita). Volevo farti una domanda: sto pensando seriamente di cambiare regime alimentare, sia per motivi di ecocompatibilità che etici, e qui nasce il mio problema… navigando nel web ho trovato tutto e il contrario di tutto per quanto riguarda il vegetarianismo; e mi interessava sapere, è necessario che mi affidi, almeno nel primo periodo ad un nutrizionista, o posso far tutto da solo senza andare incontro ad carenze alimentari? Al momento ho eliminato del tutto la carne ma non i derivati (gradualmente eliminerò anche quelli). Essendo stato un grandissimo carnivoro non conosco molto dei vegetali e non vorrei incorrere in errori da principiante.
    Ti ringrazio anticipatamente e auguri.

  4. Buongiorno,
    sto leggendo “Un anno a impatto zero” dopo aver scoperto, poche settimane fa, l’articolo che parlava di te su Glamour (ahimè, ci sono abbonata…quanta carta!!!).
    Inutile dire che sono felice di essere venuta a conoscenza di questa “community del green” e mi sento molto solidale al pensiero ma soprattutto all’azione, alle azioni da fare per salvaguardare la nostra Terra e la nostra Vita.
    Il mio primo vero passo inizia oggi con l’adesione al GAS della mia città, Lodi.
    Volevo solo condividere questa cosa con te.
    Buona giornata!
    giada

  5. Ciao Cara,

    Apprezzo molto la tua iniziativa ma ti consiglio di provare ad avere una visione allargata del sistema in cui viviamo.

    Io sto scrivendo un libro che unisce tre temi: economia, ecologia e…filosofia.

    Non mi dispiacerebbe intervistarti per farti qualche domanda che tocchi i tre temi da me affrontati, fa conto che il No Impact Man farà la fine del film di Gore, a breve la comunità scientifica (se ha tempo e pazienza) demolirà tutti quei punti che sono considerati “cool” nella società in cui viviamo, il greenwash è dietro l’angolo..!

    AL

  6. Ciao,ho appena conosciuto il tuo blog e ti volevo fare i complimenti per ciò che hai creato!ho una moglie e due bambini di 4 e 6 anni ed abbiamo cominciato (tutti) a fare la differenziata,a loro piace molto!!!Speriamo bene!!!
    Ps.stiamo lottando nel mio paese per non farci installare una discarica di tal quale!!!!!!Ilpaese è riano in prov.di Roma.
    speriamo bene!
    Un in bocca al lupo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*