Storie di fragole, di guerre fredde e di ricette venute male

Un paio di anni fa ho rubato nel bosco vicino a casa alcuni piantini di fragoline molto buone, e da allora, ogni volta che in primavera intravedo nel mio giardino le piccole luminose macchiette rosse dei loro frutti, so che anche nel bosco c’è un bel raccolto da fare.

Praticamente pian piano, trapiantando https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-quebec/ nel mio giardino le piante che amo e che mi interessano di più, sto creando il mio calendario naturale delle fioriture e dei frutti (come la malva, i papaveri, l’achillea, la robinia, il ciliegio e così via).

Ogni anno però, più o meno quando le fragoline maturano, arriva un giardiniere che con il suo bel decespugliatore rade al suolo tutta l’area del bosco dove se ne può raccogliere una valanga.
Incessante e crudele, il mattatore frulla le piantine cariche di bei fruttini succosi e rossi, e così io, che l’ho tenuto d’occhio per non ritrovarmi a mani vuote come l’anno scorso, ieri sono arrivata proprio mentre lui stava cominciando i lavori.
Considerando che l’area da tagliare è molto vasta, ho avuto un po’ di tempo per raccogliere un chiletto e mezzo di fragoline, mentre ne mangiavo altrettante ovviamente, e così https://www.viagrasansordonnancefr.com/viagra-ou-cialis/ ho trascorso una bella oretta da una parte a raccogliere mentre l’altro avanzava minaccioso dall’altra.

Sono ignare del pericolo, quelle povere piantine, non sanno che dopo le mie carezze riceveranno le frustate, eppure ogni anno ritornano, e continuano a fiorire e maturare e a espandersi coi loro buffi gambi coi quali arrivano in ogni angolo di terra, e io ogni anno torno a ringraziarle dei loro doni.

Così, siccome ne ho raccolto almeno un chilozzo, ora sto sperimentando alcune ricette: per esempio ho preparato una salsina tipo marmellata liquidosa da mettere sul gelato o su qualunque dolce. Però voi ditemi, perché anche la cosa più semplice del mondo non mi deve venire bene? Ho seguito la ricetta, ho usato ingredienti perfetti, ci ho messo tantissimo aMMore e ne è risultata una salsina amara. Credo che aspetterò altri frutti da aggiungere per modificare questa che ho ottenuto oggi, e che è proprio cattiva UFFA. Perché mai? Forse perché solo con le fragoline l’intruglio non viene buono? Oppure perché ce n’erano alcune non perfettamente mature?
Boh.
Proverò ad aromatizzare la grappa con quelle che restano, ma non garantisco

niente.

Preziosissime, le fragoline di bosco hanno un profumo tutto loro, e vanno mangiate con rispetto, per le loro dimensioni e la loro delicatezza. E ovviamente per l’impegno che richiede la raccolta. Se nei filari di fragole “normali” in un’ora ne raccogli venti, trenta chili, nei boschi in un’ora è un miracolo se arrivi al mezzo chilo.
Bisogna poi andare a cercarle in diversi orari del giorno, e osservare dove si posano i raggi del sole. Di solito il sottobosco è una zona fresca e umida, e la luce tocca solo alcune zone per poche ore. In quelle zone si possono trovare, abbassandosi un po’, le fragoline che appena trovano un po’ di luce e calore non esitano a maturare.
E così scopri un intero mondo che vive sotto le foglie, e scandagli tutto il bosco mentre dall’altra parte il disturbatore fa il suo gioco cruento per pulire dalle erbacce e rendere l’area camminabile, altrimenti “non si passa più”.

Insomma, oltre al lavoro di raccoglitrice di fragole di cui ogni tanto pubblico foto su Instagram, che da due anni in primavera mi coinvolge per un paio di mesi di raccolta intensa, ho anche la goduria di alzarmi la mattina prestissimo, andare nel bosco e pregustarmi il piacere di trovare ogni giorno, e in ogni ripetersi delle stagioni, fiori e frutti meravigliosi da raccogliere e usare per cibo buono, tisane e cosmetici.

Cosa posso chiedere di più?

Schermata 2016-05-26 alle 13.09.05

Schermata 2016-05-26 alle 12.24.20

`Share the ideas you like`

2 comments on “Storie di fragole, di guerre fredde e di ricette venute male

  1. A GUARDARLE DA VICINO, QUELLE RACCOLTE, NON SONO TUTTE FRAGOLE DI BOSCO. MA ANCHE UN PO’ IBRIDE. NON DOVREBBERO ESSERE COSI BIANCHE CANDIDE DOVE SI STACCANO DAL GAMBO. FORSE è PER QUESTO CHE LA MARMELLATA NON E VENUTA BUONA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*