Oleolito di Calendula per la cura della pelle

Sono tantissime le piante con cui si possono fare gli oleoliti, come l’iperico, la lavanda, la camomilla, l’arnica, perfino il timo e il rosmarino!

L’oleolito è l’estratto di un’erba tramite macerazione in un olio vegetale, in alcuni casi al sole, in altri al buio completo, a volte la pianta si usa fresca, altre si fa seccare. Per ogni preparazione e ogni impiego di queste piante bisogna essere forniti di buoni libri sulla cosmesi naturale e altrettanti sulle piante officinali e i loro usi.
Ecco alcuni titoli di eco cosmesi:
Saponi e cosmetici fai da te – Tatiana Maselli
Cosmesi naturale pratica – Francesca Marotta
Fare i cosmetici naturali è facile – Cyrille Saura Zellweger

Schermata 2016-05-19 alle 22.25.18

L’oleolito di calendula, pianta dalle mille proprietà, è uno dei più semplici da preparare: si riempie un bel barattolo di capolini appena fioriti (nasce spontanea nelle campagne e aiuole ed è facilissima da coltivare – rubate tutti i semi che potete!), si copre il tutto con olio di semi o d’oliva (perché non si altera ad alte temperature e non irrancidisce velocemente), meglio biologico, e si lascia al sole con il coperchio socchiuso per lasciar evaporare l’umidità. Ogni due giorni più o meno si chiude bene il coperchio e si agita il barattolo, per quaranta giorni circa. Poi si filtra attraverso un canovaccio, si spremono i fiori e si conserva in una bottiglia di vetro scuro.
Si conserverà per un paio d’anni, e si potrà usare nelle maschere di argilla, nei massaggi rilassanti (aggiungete qualche goccia di olio essenziale se non amate l’odore della calendula), per struccare il viso o per idratare la pelle dopo la doccia. L’oleolito di calendula si può usare anche per la pelle dei bambini.

Una meraviglia, insomma, regalata da questi fiori che in questi mesi sbocciano in grandissima abbondanza di sfumature di giallo e arancione.

Schermata 2016-05-19 alle 22.24.43

P.S. I petali di calendula si possono anche aggiungere a una bella insalata colorata, e i fiori si seccano per farci le tisane. Io li mischio con melissa, menta e malva. Una bontà.

Schermata 2016-05-19 alle 22.26.59

Schermata 2016-05-19 alle 22.33.54

Schermata 2016-05-19 alle 22.34.26

`Share the ideas you like`

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*