Piante spontanee di Aprile: piccole regole per la raccolta

A conoscerne già tre o quattro, di piante spontanee, si possono preparare tante belle insalate o minestre o contorni, e in questo periodo, nelle campagne incolte, spuntano foglie e fiori buoni da mangiare e soprattutto gratis.

Ma non bisogna mai avere dubbi su cosa si stia raccogliendo. Se non siete assolutamente certi, lasciate tutto lì.

Ora che ci penso, forse non ho mai elencato le regoline per me fondamentali quando vado per boschi o per campagne.

Eccone alcune:
– girate sempre con un cesto di vimini o un secchio, cesoiette e un coltellino, una paletta, guanti e un sacchetto per eventuali rifiuti trovati in giro
– non raccogliete mai qualcosa che non conoscete al 100%
– assicuratevi di non raccogliere vicino a fonti d’acqua inquinata, strade di transito frequente o campi irrorati di pesticidi (i fiori che crescono ai margini dei campi coltivati non sono da raccogliere)
– raccogliete foglie e fiori senza strappare la pianta, a meno che non la vogliate trasferire nel vostro giardino
– tenete separate nel vostro cestino le piante che mangerete crude da quelle che cucinerete
– cercate di non raccogliere tutto quello che trovate, bensì il minimo indispensabile, sia per non sprecare che per lasciare che le piante continuino a svilupparsi e a diffondersi
– se siete di città sarete presi un po’ in giro dalla gente di campagna: non fateci caso. Molti pensano che i cittadini non sappiano nulla riguardo la natura. :-)
– variate molto e cercate di combinare i colori e i gusti: giusto qualche giorno fa ho fatto un’insalata forse la più variegata che abbia mai mangiato, con lattuga riccia del vicino, violette del pensiero e margherite, petali di calendula, melissa e menta, gambi di aglio e di erba cipollina, rucola, e tarassaco. A ogni boccone il gusto cambiava, a volte più amaro, altre più floreale e fresco.
E sono questi i veri momenti in cui mi sento in contatto con me stessa e la natura. Momenti impagabili, per me.

Peraltro, per chi fosse interessato, in Piemonte nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno al B&B La Rana e la Salamandra (dove lavoro), gli ospiti della struttura potranno essere accompagnati in alcune attività di primavera, tra cui piccole gite per imparare a riconoscere e raccogliere le piante spontanee di questa stagione.

Tarassaco

12885794_904469186319009_4715172260692404742_o

Papavero

12779290_897774256988502_6989277317371023647_o

Piantaggine

12885726_896018607164067_7619032661947645572_o

Soncino Selvatico

12593580_894965193936075_716121541841517631_o

Silene

12243084_894120514020543_7433438200308574993_n

`Share the ideas you like`

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*