Gli amici, le stagioni, la natura

Quanto tempo è passato dall’ultimo post!
Quasi non me n’ero resa conto, un po’ perché spesso pubblico foto e piccoli racconti sulla pagina di Facebook, un po’ perché, diciamocelo, mi son goduta questi mesi d’estate che son stati meravigliosi con tutte le splendide fioriture, i colori, i paesaggi, i sorrisi e le avventure capitate. Ora aspetto l’autunno, con un po’ di desiderio e di timore per il freddo che verrà poi, e intanto raccolgo le foglie, che pian piano diventano rosse, da mettere nella mia magica pressa, e sistemo il giardino.

Quest’estate la casa è stata aperta a chiunque avesse voglia di trascorrere un po’ di tempo con me e il Falegnomo, a godere degli spazi aperti e della bellezza della natura.
Insieme ai nostri amici abbiamo mangiato, bevuto, cantato, raccolto frutta e foglie di menta, fatto marmellate, scambiato semi, talee e conoscenze, e soprattutto abbiamo fatto i lavori nell’orto!

Infatti questo post è dedicato a loro, agli amici in generale, che finora hanno saputo apprezzare con noi tutta questa bellezza, e agli amici che lo scorso weekend si sono prestati (e ancora si presteranno) per dare una mano a me e al Falegnomo a sistemare il terreno per l’orto che poi coltiveremo in primavera.
In questi due giorni ci siamo messi di buzzo buono a strappare erbacce e vecchie piante rinsecchite, a trapiantare bulbi, a vangare e rastrellare, a bruciare sterpaglie e pulire tutto quanto.
Ognuno ha fatto il suo, con calma e piacere, e non è stato tanto il risultato finale a essere importante, quanto la vicinanza, la condivisione e la goduria di stare in compagnia.
Credo che lavorare insieme, e lavorare insieme nella terra, sprigioni un’energia potentissima, in grado di unire le persone e alleggerire la fatica.
In questi momenti mi sento grata per tutto ciò che mi circonda, la natura e le persone, soprattutto le persone.

Non è la prima volta infatti che nei miei progetti di vita e nelle cose che mi accadono io mi ritrovi ad apprezzare la capacità delle persone di arricchire e arricchirsi solo attraverso piccoli gesti, come quando mi sono sentita accompagnata e accettata nella mia scelta di vivere in campagna, nonostante fosse una strada totalmente individuale e personale.
In ogni goccia di sudore, in ogni imprecazione per qualche erbaccia che fatica a venir via, in ogni momento di riflessione per risolvere problemi pratici, io mi sento viva, e sento che senza la vicinanza delle persone amiche, sarei molto meno di ciò che sono ora.

Questo è quanto. Per il momento GRAZIE, grazie a chi segue e commenta questo blog dandomi sempre nuovi preziosi consigli, grazie a te, John il Falegnomo, che sei pieno di energie, di amore, di idee e voglia di fare e grazie ai miei amici, che spero di non perdere mai in questo percorso che è così prezioso, ricco e pieno di sorprese, ogni giorno di più.

La felicità è reale solo quando è condivisa“. Christopher McCandless

Schermata 2015-09-21 a 12.19.35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *