Piante spontanee officinali: l’Iperico

Fin da quando ero piccola ho sempre sentito nominare un certo numero di erbe officinali, come l’Arnica, l’Iperico, la Calendula e molte altre.

Quasi tutte le mie parenti da parte di Mama infatti sono in qualche modo legate alla natura, alle piante e alle cure naturali forse più di quanto io immagini.
Per fortuna il mio menefreghismo adolescenziale in questo campo si è dissipato alcuni anni fa quando i fiori, le stagioni e la natura hanno cominciato a confluire nelle mie azioni, nei miei pensieri e nella mia vita intera.
Così, con la complicità di una mamma davvero appassionata di fiori e di medicina naturale, di un gruppo su FB che adoro che si chiama Erbacce e dintorni e di una flora molto diversificata intorno a me, pian piano ho imparato e sto imparando a riconoscere alcune piante spontanee importanti tra cui l’Iperico, una delle più potenti che si possano trovare nei campi incolti e lungo le stradine di campagna, col quale ho fatto un oleolito di un rosso meraviglioso e dalle mille proprietà.

L’Iperico è anche conosciuto come Erba di San Giovanni (24 giugno), giorno che secondo tradizione è il momento ideale per la raccolta, e ha fama di erba miracolosa fin dal medioevo, in quanto poteva curare le ferite e scacciare i diavoli.
Nell’uso esterno in forma di oleolito (olio ottenuto dalla macerazione delle sommità fiorite fresche in olio di mandorle o di girasole) o unguento ha proprietà antisettiche e anti infiammatorie di piaghe, ulcere, scottature e ferite, ma anche per i dolori della gotta, della sciatica e dell’artrite articolare.
Anche per uso interno è particolarmente indicato nelle malattie respiratorie, circolatorie e dell’apparato digerente, e come ogni pianta officinale deve essere usata con il supporto di un esperto.

Ciò non toglie che si possa preparare, in luglio, un ottimo oleolito lasciando a macerare fiori immersi nell’olio in un barattolo di vetro al sole per tre settimane, per poi filtrarlo e usarlo sulla pelle come doposole (MAI prima del sole), unguento lenitivo, antirughe e anti infiammatorio.

Vi innamorerete del rosso rubino di questo olio incredibile, dall’intenso profumo di Terra e dalle mille proprietà benefiche.

Quali sono i vostri trucchi da “stregoni” in materia di piante e medicina naturale? Quali le tradizioni della vostra famiglia legate alle stagioni? Raccontatemelo, dai! :-)

IMG_20150621_195512

IMG_20150621_200246

CAM00513

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *