Calendula fiori di sole

C’è che qualche anno fa Mama ha sparso nel giardinetto qui in cima alla collina migliaia di semi di Calendula, che imperterriti, nonostante le mie estirpazioni per lasciare spazio ad altre piante, continuano a cacciare fiori e a tingere di arancio acceso il prato, l’orto e ogni possibile angolo della casa.

Così ecco che ho deciso di arrendermi a lei e di amarne le tonalità accese, che richiamano l’estate e che lasciano nelle retine una macchia quasi indelebile, se le si guarda troppo.
La Calendula, oltre che bellissima e super infestante, è una pianta dalle numerose proprietà terapeutiche.
Per uso interno allevia i dolori mestruali e regolarizza il ciclo, è decongestionante e antiinfiammatoria, attiva la circolazione periferica.
Per uso esterno è cicatrizzante e lenitiva, in particolare per piaghe anche gravi, ulcerazioni e ferite, eczemi, acne e scottature.
Ecco qualche indicazione su come usarla, tratta dal libro TuttoErbe di Aldo Poletti.

INFUSO
Un cucchiaio di fiori essiccati e sminuzzati in una tazza di acqua bollente per dieci minuti. 2-3 tazze al giorno prima dei pasti.
FOGLIE FRESCHE
Si pestano e si applicano direttamente su calli, verruche, ascessi, geloni e scottature.
CONSERVAZIONE
I fiori si raccolgono ancora in boccio e si essiccano all’aria, dopodiché si conservano in vasi di vetro a chiusura ermetica e al buio. Le foglie si raccolgono durante la bella stagione, si essiccano all’ombra e si conservano come i fiori.

È molto facile coltivarla nell’orto o in vaso, piuttosto che comprarla già secca, per poter godere della sua bellezza e della sua completa naturalità, dato che non ha bisogno di additivi chimici per sopravvivere praticamente tutto l’anno.

Buona primavera a tutti!

`Share the ideas you like`

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*