Medicina veterinaria ecosostenibile con l’agopuntura

Le sempre più frequenti intolleranze alimentari che affliggono la maggior parte della popolazione fanno pensare alla necessità di avere risposte più efficaci a questioni di rilevanza medica e di sanità pubblica riguardo la farmacovigilanza, l’antibiotico resistenza e la sicurezza alimentare.

L’introduzione delle Medicine non Convenzionali quali l’agopuntura, ad esempio, nel Sistema Sanitario Nazionale permetterebbe un ampliamento degli approcci diagnostici e terapeutici, una sensibile riduzione della spesa sanitaria pubblica e una migliore farmacovigilanza appunto.
La Medicina Tradizionale Cinese, complesso di discipline di cui fa parte l’agopuntura, è stata presentata al Ministero della Sanità da medici veterinari esperti del settore come ecosostenibile. Ecosostenibilità intesa come salvaguardia della salute degli animali ma anche dei consumatori quando si parla di zootecnia biologica.

Leggi il post di Laura Romanò su Naturalmente veterinaria – Medicina veterinaria ecosostenibile

lauraLaura Romanò vive a Milano, si è laureata nel 2006 e da subito si è dedicata allo studio delle medicine non convenzionali occupandosi prima della Floriterapia del Dr. Bach e poi di Medicina Cinese, diplomandosi alla scuola triennale di Agopuntura Veterinaria S.I.A.V. della quale è membro attivo e docente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *