Brutto prototipo di una balena di jeans

Come quando ho fatto la mia borsa da palestra (e in seguito divenuta anche borsa da ukulele) ispirandomi a un tutorial su Pinterest, così oggi ho cucito il brutto prototipo di una balena che dovrebbe risultare come nella foto, e invece…

Si è trattato di una vera e propria opera di riciclo, considerato che ho usato i miei jeans non più utilizzabili perché strappati malamente sul culo, e per di più trattavasi dei jeans Lifegate, che mi son stati fedeli per tre soli anni, e di cui ho già parlato qui.
Ne è risultato un simpatico abbozzo deforme in versione nana di quella che dovrebbe essere una balenottera bella cicciotta, da abbracciare stretta.

Mentre cucivo gli ultimi punti della pancia, ho come sentito un fremito nello stomaco, lo stesso che deve aver provato Geppetto quando piallava via l’ultimo strato dal corpicino di Pinocchio, un istante prima che questo proferisse parola.

Diciamo poi che ho passato tre orette del mio tempo tutta immersa in questo lavoro manuale piuttosto faticoso, ché il jeans non è mica facile da cucire.
E però è un po’ una terapia, tenere le mani occupate.
Facciamo che me lo segno nella lista delle cose belle della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *