Re Mida che trasformava in oro tutto ciò che toccava

Qualche giorno fa sono andata a Biella a conoscere Silvie e Giulia, due ragazze che hanno dato vita a uno dei centri REMIDA, una realtà nata a Reggio Emilia che propone laboratori creativi e corsi di formazione orientati a un genere di riciclo diverso dal solito.

La loro peculiarità è quella di raccogliere da aziende e imprese tutti i materiali di scarto che andrebbero altrimenti a finire nell’indifferenziata o nei centri di riciclo.
Un vero e proprio magazzino della creatività, dove bambini e adulti possono partecipare a laboratori didattici o trovare materiali particolari per i propri lavoretti e creazioni, il tutto legato alla magia del riuso, della nuova vita per qualcosa che prima consideravamo rifiuto, ma che può essere una risorsa infinita di fantasia e gioco, ma anche di costruzione e crescita.
Materiali di tutti i tipi, basta che siano seriali, puliti e non tossici o pericolosi, che le aziende scartano come i bordi dei tagli di carta e cartoncino, grandi rocchetti di filo, pezzi di stoffa e cuoio, avanzi di legno, plastica, metalloe qualsiasi cosa che possa servire o non servire a creare, inventare, sperimentare.

Diciamo che parlando con loro di questa professione che non conoscevo, ho sognato non poco un luogo del genere nella mia Milano, un progetto in cui coinvolgere enti ambientalisti, gruppi di raccolta di materiali di recupero, negozi, aziende e persone comuni per valorizzare il tema del riuso e dell’invenzione, dello strano e del diverso.
Filosofia di REMIDA è quella di fornire tutti gli strumenti per la fantasia, tranne scotch e colla. Il resto poi vien da sé. I bambini sono lasciati liberi di provare, senza seguire istruzioni da parte dell’educatrice, spinti a osservare gli oggetti sotto nuovi punti di vista, dando loro nuove funzioni e disposizioni nello spazio e nella realtà.

Recuperare, non sprecare, riusare, valorizzare sono dei verbi che amo e che vorrei far entrare appieno nella mia vita.
Che ne dite, mi vedete bene insieme a bambini e mamme a giocare alle costruzioni?

Contatti REMIDA Biella:
[email protected]
Giulia: +39 335 8478154

Una risposta a “Re Mida che trasformava in oro tutto ciò che toccava”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *