Risotto e topinambur


Che sono appassionata di risotto l’avete capito, immagino.
La settimana scorsa il Buonessere mi ha spedito, insieme alle tante buonezze (tipo una grossa zucca che aspetta di diventare gnocchi, YUM), i topinambur, che non avevo mai cucinato prima.
Ci ho fatto, indovinate cosa? Ma un risotto, naturalmente!
La ricetta è semplice: si sbucciano con un coltellino affilato i topinambur e si tagliano a fettine molto sottili. Intanto si soffriggono cipolla, carote e sedano in poco olio o acqua. Poi si aggiungono le fettine di topinambur e intanto si fa bollire il riso in poco brodo. Se asciuga troppo in fretta, aggiungere un po’ di acqua alla volta.
Quando entrambe le pietanze sono a pochi minuti dalla cottura, versare i topinambur nel riso e far asciugare ultimandola.
Servire con una bella spolverata di paprika e gustare.

Mi han sempre detto che sanno di carciofo, ma a me sapevano più di patata.
Delicatessen: accompagnate il piatto con qualche noce sgusciata al momento, e sentirete che bUontà! :-)

5 risposte a “Risotto e topinambur”

  1. bella questa ricetta. questa settimana anche io li ho presi per la prima volta. sto già studiando il modo per farli crescere in giardino. ho letto che hanno una bellissima fioritura autunnale (sono della famiglia dei girasole!) e sono anche alquanto infestanti! anche a me hanno detto che sanno di carciofo, ti saprò dire dopo che avrò preparato questo risotto ;)

  2. Bella ricetta.. io li ho sempre cucinati al forno come se fossero patate.. e confermo!! sanno di carciofo… Proverò anche qst Buona ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *