Il mio culo? È verde!

Non me ne abbia la Lucart per questo titolo poco edificante da svariati punti di vista, ma il concetto è questo: anche il culo può essere green. Come?


La Lucart, in collaborazione con Tetrapak Italia ha lanciato da pochissimo una gamma di prodotti ottenuti dal celebre contenitore di bevande che spesso non sappiamo se e come riciclare (74% di fibre di cellulosa, 26% di carta e alluminio), e si definisce così un’azienda a rifiuti zero.
I prodotti sono i tissue che usiamo abitualmente, come carta igienica, tovaglioli, fazzoletti da naso, panno carta, asciugamani e tovagliette (che io ho sostituito quasi egregiamente con la stoffa, carta igienica a parte), mentre dalla plastica e l’alluminio nascono righelli, penne e altri oggettini resistenti e completamente ecologici.

La carta tanto cara ai nostri deretani risponde poi alle caratteristiche di morbidezza, resistenza e assorbenza (testato per voi dalla mia persona), proprio come le carte comuni, ma con questo valore aggiunto: non vengono tagliati gli alberi!
Inoltre non subisce processi di sbiancamento (il suo delicato colore Havana la rende molto fashion) chimico ma fisico e meccanico ed è certificata Ecolabel.

Il Tetrapak è così riciclato completamente, noi siamo più tranquilli e pure le nostre parti basse.
E cosa chiedere di più?

9 risposte a “Il mio culo? È verde!”

  1. Una volta che ho visto il titolo non potevo non venire a leggere questo post!
    Quindi non sei un’extraterrestre, semplicemente fai uso di Lucart :D

    Non sapevo….. si trova facilmente?
    E non ci sono problemi del tipo che parte dell’alluminio finisce nella carta igienica?
    Grazie, ciao Vita! :)

    1. AHAHAH non sono un alieno, no! :-)
      L’alluminio non finisce nella carta igienica, direi, perché le parti sono separabili in modo meccanico e non chimico, inoltre ci sono sistemi di filtraggio per la carta che dovrebbero escludere questa ipotesi, ma indagherò :-)
      Nell’eventualità che fosse così, ti spiacerebbe tanto metallizzarti le chiappe? :-D Scherzo, ovviamente.

      Grazie dello spunto!
      Claudia

      1. Eheh!
        Mi dispiacerebbe metalizzarmi perché il culo grigio non sarà mica bello come quello verde! :D:D
        Grazie a te!
        ps: sto cercando notizie sulle lampadine, sulla tossicità sia per noi che per l’ambiente (addirittura alcune di quelle a risparmio energetico contengono vapori di mercurio!). Sul sito mi sembra che non parli. Tu ne sai qualcosa?

          1. No non lo avevo letto.
            Grazie delle segnalazione!
            L’argomento mi interessa….. ad ora penso che potrei utilizzare delle bellissime candele :D come hai fatto tu di recente mi pare :)
            A presto, ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *