Il mio odore naturale

Da quando ho cominciato e poi smesso e poi ricominciato a usare il bicarbonato come deodorante, in particolare per le ascelle, ho ritrovato il mio odore naturale, non più artefatto dai prodotti industriali chimici che mi omologavano a milioni di altre ascelle.
Sì, il bicarbonato lo uso ancora, quando gli esperimenti chimici per creare deodoranti alla cera d’api non vanno a buon fine, e lo uso anche per deodorare la lettiera dei gatti e per l’igiene orale.

I denti li lavo con un dentifricio all’argilla bianca, e dopo il filo interdentale puccio lo spazzolino nel bicarbonato e dò un’ultima passata. Il sapore non è il massimo, ma il senso di pulito è splendido, niente botte al mentolo: l’alito è il mio, che vi piaccia o no.

Il sapone di Aleppo è un po’ odoroso ma non lascia residui sui capelli: adesso hanno un odore neutro e personale, poco importa se non sono brillantanti dal balsamo. Un po’ d’aceto diluito li rende più che lucidi, perfino troppo.
E per la pelle, stesso sapone e dopo la doccia una passata di olio alle mandorle, inodore e leggero.

Contro le zanzare una semplice crema fatta in casa con cera d’api, olio di mandorle e olio essenziale di citronella, da spalmare su caviglie, collo e polsi.

Il guaio di tutta questa naturalità però è che ora quando qualcuno nelle vicinanze si spruzza un deodorante o un antizanzare ho degli attacchi di tosse pazzeschi, e sono anche sensibile ai detersivi!

Questo significa che per anni mi sono abituata a odori chimici oltraggiando il mio naso e la sua capacità di distinguere i veri profumi della natura e del mio corpo.
Ma sono ancora in tempo per recuperarli tutti. Nè?

Forza, annusiamoci e analizziamoci.

12 risposte a “Il mio odore naturale”

  1. anch’io ormai patisco tantissimo tutti i profumi altrui.. mi pizzicano il naso e non li sopporto. Che poi -tra l’altro- mangindo vegan si puzza assai meno e quindi non c’è più molto bisogno di coprire gli odori di digestione di proteine animali (e di cadaveri) :)

  2. da quando uso il cristallo di allume di potassio (amichevolmente detto “sasso-puzza”) ho riscoperto anch’io il mio odore naturale, e ho fatto caso che cambia tantissimo in base a quello che mangio e al periodo del mese… e ho anche notato che quando ci mettevo i deo chimici (che ho smesso per allergie devastanti) l’odore che si sviluppava era decisamente “puzza” e fastidioso, mentre così è leggerissimo e basta una passata di acqua per farlo sparire… O_o

  3. Ma quanto ci siamo male abituati!!! Tornare alla vita “naturale” è proprio nelle piccole cose che comporta più difficoltà.
    Ogni tanto utilizzo il cristallo di allume, ma confesso che il deodorante ho l’ho ancora eliminarlo del tutto…
    Chissà che questo post non mi sia di ulteriore stimolo! :)
    Grazie per le tue sempre interessanti info.
    un Sorriso…

  4. Aaaaaaaaaaaaaah! buono l’aleppo vero?! Io lo trovo divino!
    E anche la sottoscritta si è convertita all’allume di potassio, veloce, pratico, naturale, inodore ed EFFICACISSIMO! :D
    Io ormai se devo acquistare qualcosa per il corpo mi dirigo verso la mia erboristeria di fiducia, e dopo aver controllato categoricamente che non sia testato su animali e sia d’origine vegetale, acquisto la crema o il sapone (sempre, solo cose che non posso procurarmi da sola in casa).
    Dall’ultima visitina in erboristeria ho scoperto una saponetta scrub meravigliosa! e chi la molla più! XD

  5. ah ma allora non sono strana io…è proprio che il naso si droga con la chimica e quando gliela togli….avevo notato una differenza nel mio olfatto, tempo fa, quando sono passata anch’io all’extra natural anche nella cosmesi: dei deodoranti per la casa che mi erano sempre sembrati buonissimi, d’un tratto sapevano di…chimico.
    Anch’io uso il bicarbonato per i denti, insieme all’argilla bianca,al sale e qualche goccia di olio essenziale di salvia. Splendido!

  6. Si si, anche a me piace riscoprire gli odori naturali. L’anno scorso dopo aver concluso un digiuno mi ero talmente depurato che non riuscivo più a sopportare nessun tipo di odore chimico, nemmeno quelli che prima mi piacevano!
    Anche io utilizzo l’allume di potassio e raramente un altro deodorante comprato in erboristeria. Altre volte invece non metto niente.
    Mi piace pensare che la mia ascella adesso sappia di “ormone maschile”, dovrei provare a piazzarla sotto il naso di qualche ragazza per vedere l’effetto che fa… magari un bel pugno sul naso lo rimedierei! :D:D
    Ciao!

    1. Forte! Quanto è durato il tuo digiuno?
      Ho girato il tuo commento a un mio amico che adora spruzzare feromoni in giro, soprattutto in palestre piene di donnine.
      E finora direi che “ha preso niente pugni”. :-)

  7. Una delle cose più orribili della mia breve e maledetta esperienza con la pillola è stata la perdita dellìodore personale. La pillola, interrompendo la priduzione di qualsiasi ormone, elimina anche l’odore personale, per cui mi sono ritrovata a essere completamente indore. Era come essermi persa (essermi persa ancora di più, intendo, che la pillola ti fa perdere te stessa comunque). Non mi riconsocevo a naso, entrare nel mio letto era come entrare nel letto di [email protected] [email protected] Prima di quell’esperienza, usavo in modo molto occasionale e blando del profumo leggero e agrumato (Ruban d’Oranger de l’Ocitane), durante la terapia ho smesso di usarlo perché quando lo mettevo mi sentivo snaturata e non sono mai più stata in grado di rimetterlo né di usare alcun altro profumo o deodorante profumato.

  8. Occhio alle pietre di potassio come “deodorante”. È un antitraspirante e non fa per niente bene alla pelle. Fino a qualche anno fa erano in vendita deodoranti antitraspiranti e sono stati proibiti per le conseguenze, anche croniche che possono dare con un lungo utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *