Profumi e incanti, come la maga delle spezie


Questa sera mi aggiravo nella mia cucina, paonazza, cucinando e mescolando misteriosi ingredienti. Un po’ come una streghina, bruciavo lavanda mentre fondevo cera d’api e olii essenziali per i miei intrugli, e le verdure speziate sobbollivano, ma forse dovrei procedere con ordine, per dirvi quanto oggi mi sia divertita.

Per cominciare, sono andata in bicicletta da NaturaSì a comprare un flacone ricaricabile di detersivo ecologico per piatti, ché avevo finalmente finito quello comperato più di sei mesi fa. Poi sono passata dal mercato dell’usato, come vi ho raccontato qui, per trovare dei vasi in cui mettere le mie piantine di pomodoro che crescono e crescono e patiscono il caldo e il poco spazio per le radici, e perciò non mi danno fiori né frutti ma cercano, con tutte le forze, di sopravvivere.

Poi sono tornata a casa e ho messo un bel po’ in ordine, presa dall’angoscia dell’invasione delle formiche, lavando i pavimenti con acqua bollente e aceto bianco, spruzzando sulle superfici il mio spray dantibatterico profumatissimo (acqua e olii essenziali di limone, menta e arancio dolce) e buttando via vecchie schifezze dal frigo. Tocco finale, un po’ di fiori di lavanda a bruciare in un contenitore di metallo sul fornello per profumare la casa e scacciare insetti e spiriti cattivi. ;-)

Ho travasato le piantine nei vasi grandi e ho fatto anche qualche altro trasferimento, seminato la Calendula e le Belle di notte, sperando che prima o poi cresca qualcosa. Meraviglioso mettere le mani nella terra, anche se seduti su mattonelle e rinchiusi fra quattro mura.

Nel pomeriggio ho cucinato per il picnic di domani, il couscous alla courcouma e le verdure biologiche che ho ricevuto la settimana scorsa da ilbuonessere.it, di cui presto vi parlerò. Poi mentre cucinavo la cena ho anche sciolto un po’ di cera d’api per mischiarla con olio d’oliva o di mandorle (secondo le ricette del mio libro magico Cosmesi naturale in pratica) e gli olii essenziali per farne una crema per il viso, un deodorante e uno stick antizanzare alla citronella da spalmare domani su piedi, caviglie, polsi, collo.

Insomma, mi sono sentita proprio una maghetta, e ho fatto un sacco di cose, tutte belle e divertenti, verdi e romantiche.

Ancora, ancora!

Una risposta a “Profumi e incanti, come la maga delle spezie”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *